Privacy Policy Ciofs-ep ets, senza enti di formazione in squadra non si fa ‘Gol’ – Timenews24.it

Ciofs-ep ets, senza enti di formazione in squadra non si fa ‘Gol’

Seleziona la lingua/Traduci

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

Obiettivi di PNRR per gli inoccupati raggiungibili solo con un’alleanzia pubblico e privato sociale

Il Seminario Europa del CIOFS-FP ETS (Centro Opere Femminili Salesiani per la formazione Professionale) giunto alla 34° edizione è organizzato con l’associazione di categoria FORMA su formazione professionale e lavoro con In rete per fare G.O.L., affronta un tema strategico che cambia radicalmente l’approccio al tema della disoccupazione.

Per GOL si intende Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori: obiettivo del programma è inserire o reinserire al lavoro persone che ne sono prive, in raccordo con il Piano Nuove Competenze recentemente attivato nell’ambito del PNRR. La dotazione economica è di 4 miliardi e 400 milioni di euro per prendere in carico 3 milioni di inoccupati entro il dicembre 2025: è un banco di prova anche operativo. Per questo è imprescindibile un nuovo modo di operare, la richiesta non è solo censire, ma anche orientare e formare a nuove competenze.

Da Torino oltre cinquanta relatori affrontano la questione: i volumi, i tempi rapidi che sono la modalità operativa imprescindibile del PNRR, il rapporto stretto che questo strumento crea tra disoccupazione e formazione, tra formazione professionale e domanda reale dalle imprese, tra territori e evoluzione della domanda dei mestieri. Ecco questo impone un piano operativo con una reale governance, Silvana Rasello Presidente del CIOFS-FP Piemonte, afferma: “per raggiungere gli obiettivi ed essere efficaci si deve creare un nuovo modus operandi convergendo sugli obiettivi e condividendo le buone pratiche che gran parte del mondo della formazione professionale accreditato ricalca perfettamente per stile e dedizione e che qui in Piemonte già vede una buona collaborazione con gli enti pubblici a partire dalla Regione. ”

Imput colto e sottoscritto dall’Assessore Elena Chiorino che come Piemonte apre i lavori: “La formazione è un tema di cui la politica ha sempre parlato troppo poco. E’ un asset strategico, un investimento sul futuro del nostro Paese, per i giovani e le donne che si devono ricollocare nel mercato del lavoro. Con GOL abbiamo finalmente un’opportunità per agire in modo concreto perché “stato sociale” vuol dire proprio questo: accogliere le persone in difficoltà e consentirgli di reinserirsi nel tessuto sociale con un lavoro dignitoso. Bisogna inoltre aver il coraggio di creare un’azione di partnership pubblico -privato per affronatre al meglio la sfida alla disoccupazione.”

Gianni Bocchieri del coordinmanto PNRR Stato-Regioni progamticamte ricorda: “PNRR è in gran parte debito, non va sprecato. È necessario cambiare la mentalità in cui l’elemento di successo non è il raggiungere l’obiettivo di spesa, ma raggiungere gli obiettivi finali: formare e occupare i cittadini senza andare a sviluppare nuovi costi strutturali. GOL non è per sempre: la domanda da farsi già ora è anche cosa facciamo nel 2027? Perché vanno raggiunti obiettivi tenendo conto che non possiamo standarizzare i costi su un flusso di denaro straordinario che non potremmo sostenere. Ciò detto i finaziamenti sono realmente eccezionali: 4,4 mld per le politiche attive per il lavoro, 600 mln per il sistema duale, 250 mln per l’orientamento, 1,5 mld per gli ITS.”

Passando infine a quelli che dovrebbero esser gli effetti di GOL cioè le qualificazioni professionali, un apprendimento attestato per le le sfide occupazionali Mauro Frisanco, economista del lavoro e parte del direttivo del Seminario Europa spiega: “andrebbe alimentato in modo stabile e con nuove modalità d’intervento integrato tra PAL e formazione professionale. Non deve esser concepito come spesa, ma come una misura a lungo periodo sulla qualifica delle persone valorizzando in modo olistico le effettive esperienze pregresse. L’ottica deve essere quella di capitalizzare tutto il vissuto umano e professionale delle persone offrendo loro nuove prospettive intersecate con una reale occupabilità”.

“Vogliamo esser chiari: le richieste che facciamo in questa sede e che discuteremo nella giornata conclusiva con i rappresentanti di dieci regioni sono eclusivamente finalizzate al successo finale formativo di tutti coloro che hanno perso il lavoro da adulti o cercano una strada per il futuro – sottolinea Manuela Robazza Presidente CIOFS-FP Nazionale – per noi è una missione esser utili e dare la nostra esperienza in questo contesto storico assai difficile.”

Share

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

More Post