Privacy Policy Vitra Design Museum le nuove mostre 2021/2022 – Timenews24.it
  • Data loading...

Vitra Design Museum le nuove mostre 2021/2022

Seleziona la lingua/Traduci

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

Panoramica della mostra 2021 Vitra Design Museum

Design tedesco 1949-1989: due paesi, una storia

20 marzo 2021 – 5 settembre 2021

Una mostra del Vitra Design Museum, del Kunstgewerbemuseum, dello Staatliche Kunstsammlungen di Dresda e della Fondazione Wüstenrot.

Spinto dai movimenti Bauhaus e Werkbund, il design tedesco ottenne un ampio riconoscimento all’inizio del XX secolo. Dopo il 1949, il suo sviluppo ha seguito un percorso unico poiché i designer nella nazione divisa hanno continuato a lavorare sotto sistemi politici opposti nella Germania orientale e occidentale. A più di trent’anni dalla riunificazione tedesca, il Vitra Design Museum presenta la mostra »German Design 1949 – 1989: Two Countries, One History« dal 20 marzo al 5 settembre 2021. È la prima panoramica che esplora il design tedesco su entrambi i lati la cortina di ferro. Pur fornendo approfondimenti sulle diverse filosofie di progettazione nella Repubblica Democratica Tedesca e nella Repubblica Federale di Germania, rivela anche i molti paralleli e interrelazioni che collegano il design in Oriente e in Occidente durante la divisione della nazione. La mostra è sostenuta dal Ministero federale degli affari esteri.

La mostra »German Design« sarà presentata al Kunstgewerbemuseum, Staatliche Kunstsammlungen Dresden dal 15 ottobre 2021 al 20 febbraio 2022.

The Bigger Picture: Women in Design 1920 – Today

25 settembre 2021 – 6 marzo 2022

Il design come disciplina è emerso sulla scia della rivoluzione industriale. Fino ad oggi, la storia del design è per lo più definita attraverso oggetti iconici creati da figure eroiche maschili. Mentre molte mostre precedenti sulle donne nel design si sono concentrate su singole figure o sulla situazione delle donne in istituzioni come il Bauhaus, “The Bigger Picture” guarderà alle donne nel design attraverso una lente più ampia. La mostra offrirà un’analisi critica dei risultati, delle condizioni di lavoro e del contesto sociale in cui le designer donne hanno praticato nel secolo scorso. La mostra mette in luce il contributo delle protagoniste femminili nel design moderno e contemporaneo, oltre a indagare questioni strutturali come la scrittura della storia del design o il ruolo e il valore della pratica collaborativa. “The Bigger Picture” includerà brani di Charlotte Perriand, Lilly Reich o Eileen Gray. La mostra farà anche luce sull’importante contributo di professionisti meno noti, come Nanda Vigo o Nanna Ditzel, e presenterà il lavoro di designer contemporanei come Marian van Aubel, Bless o Julia Lohmann.

GALLERIA DEL VITRA DESIGN MUSEUM 

Memphis: 40 anni di kitsch ed eleganza

6 febbraio 2021 – 23 gennaio 2022

Il gruppo Memphis di designer e architetti italiani è stato uno dei fenomeni più insoliti nel design degli ultimi decenni. Nonostante la sua breve esistenza dal 1981 al 1987, la sua storia e il suo impatto sono leggendari. Con i loro colori vivaci e fantasie fantastiche, i design di Memphis sembravano essere usciti dalle pagine di un fumetto e hanno dato origine a un look completamente nuovo in cui la cultura popolare, un’estetica pubblicitaria e il post-modernismo si sono fusi in un folle miscuglio. Quarant’anni dopo la fondazione del gruppo, la mostra “Memphis: 40 Years of Kitsch and Elegance” presso la Vitra Design Museum Gallery presenta oggetti, disegni e materiali dagli archivi che danno un’idea del mondo di Memphis. Verranno presentati anche i principali protagonisti del gruppo, dal suo mentore Ettore Sottsass a Michele de Lucchi, Martine Bedin, Michael Graves, Barbara Radice, Peter Shire e Shiro Kuramata.

VITRA SCHAUDEPOT

Il nuovo concetto di presentazione celebra il quinto anniversario di Vitra Schaudepot: temi di interesse annuali, a partire dalle designer femminili della collezione

17 giugno 2021 – 8 maggio 2022

Il Vitra Schaudepot progettato da Herzog & de Meuron presenta circa 430 opere chiave della collezione del Vitra Design Museum. Per celebrare il quinto anniversario della sua apertura nel 2016, un nuovo concetto di presentazione basato su temi di interesse annuali consentirà più spazio per dibattiti attuali e argomenti in evoluzione. Il primo focus topic concentrato sulle donne designer della collezione sarà lanciato nel giugno 2021, mettendo in evidenza le protagoniste femminili del design del mobile moderno presentando nuove acquisizioni di designer donne e documenti storici dagli archivi. Una selezione di oggetti di designer donne arricchirà ulteriormente la presentazione delle opere chiave nel Vitra Schaudepot.

MOSTRE IN CORSO

Home Stories: 100 anni, 20 interni visionari 

Fino al 28 febbraio 2021, Vitra Design Museum

Le nostre case sono un’espressione del modo in cui viviamo, danno forma alla nostra routine quotidiana e influenzano fondamentalmente il nostro benessere. Con la grande mostra “Home Stories: 100 Years, 20 Visionary Interiors” il Vitra Design Museum vuole riaprire la conversazione sull’interior privato contemporaneo e la sua evoluzione. In una narrazione accattivante che porta i visitatori indietro nel tempo, la mostra metterà in luce importanti cambiamenti sociali, politici, urbani e tecnici che hanno plasmato il design e l’uso degli interni occidentali negli ultimi 100 anni. Dalle questioni attuali che affrontano il dominio domestico – come l’uso efficiente dello spazio urbano in declino all’offuscamento dei confini tra vita lavorativa e vita lavorativa – il viaggio include il nostro fascino per il loft-living nel 1970, il passaggio dall’abitazione formale a quella informale negli anni ’60, l’ascesa degli elettrodomestici negli anni ’50 e l’introduzione della pianificazione degli spazi aperti negli anni ’20. La mostra è organizzata intorno a 20 interni iconici di architetti come Adolf Loos, Finn Juhl, Lina Bo Bardi e Assemble; artisti come Andy Warhol o Cecil Beaton, così come l’interior designer Elsie de Wolfe.

Gae Aulenti: A Creative Universe

Fino al 18 aprile 2021, Vitra Schaudepot

Gae Aulenti (1927–2012) è stata una delle poche donne italiane nel campo dell’architettura e del design a salire alla ribalta negli anni del dopoguerra. Se l’Italia è diventata la forza dominante nel design internazionale del prodotto negli anni ’60, l’iconica serie “Locus Solus” di Aulenti (1964) o la lampada “Pipistrello” (1965) per gli interni dello showroom Olivetti di Parigi hanno giocato un ruolo importante. Come architetto, Aulenti ha ottenuto il riconoscimento mondiale per il Musée d’Orsay di Parigi, che ha trasformato notoriamente da un’ex stazione ferroviaria dal 1980 al 1986. Una mostra al Vitra Schaudepot nella primavera del 2020 presenterà il suo lavoro poliedrico, che includeva anche progetti nei settori del set, delle mostre e dell’interior design.

A partire dal 2 dicembre 2020, soggetto a modifiche.

Share

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

More Post