Privacy Policy A Parigi per scoprire Case di Artisti – Timenews24.it
  • Data loading...

A Parigi per scoprire Case di Artisti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

Per una vacanza slow di natura e cultura a Parigi e dintorni Atout France, Ente del Turismo Francese , propone un itinerario tra Case di Artisti nella Regione di Parigi Ile-de-France , nomi che hanno lasciato un segno indelebile nella storia francese, e non solo.

L’itinerario inizia dalla casa-della pittrice Rosa Bonheur a By Thomery, un piccolo Castello del XV secolo ai margini della foresta di Fontainebleau, dove visse i suoi ultimi quarant’anni , dal 1859 fino alla sua morte avvenuta nel 1899. Grande pittrice, trae ispirazione dal mondo animale, prediligeva dipingere soprattutto cavalli., pecore, mucche, icona dell’emancipazione femminile in un’epoca in cui le donne erano molto discriminate, l’emancipazione femminile era ancora lontana. Per un breve periodo si trasferì negli Stati Uniti dove realizzò alcuni ritratti del leggendario Buffalo Bill a cavallo. Fu la prima donna artista francese ad essere insignita del titolo di cavaliere della Légion d’honneur nel 1865, Per un’esperienza coinvolgente nella casa-dell’artista, si può anche dormire nella sua camera da letto magnificamente restaurata. Attorno alla dimora atelier della Bonheur, sorgono i vigneti dello Chasselas Thomery un vino dai profumi molto delicati. Nella zona , fin dal XVI secolo sorgono i murs à vigne, muri in pietra antichissimi che sostengono le viti , Un paesaggio straordinario da scoprire, da Saint-Mammès a Moret-sur-Loing, pittoresca città medievale immortalata dal pittore impressionista inglese Alfred Sisley e Barbizon famosa nel mondo per la scuola di pittori omonima e le gallerie d’arte e sullo sfondo la foresta di Fontainebleau.

La casa di Jean Cocteau a Milly-la Forêt, nell’Essonne

La casa di Jean Cocteau a Milly-la Forêt, nell’Essonne, a sud di Parigi, vi abitò dal 1947 fino alla sua scomparsa avvenuta nel 1963 . La dimora , in stile Luigi XIII, è un’antica dépendance del castello della Bonde. Il poeta artista, drammaturgo e regista francese è stato affascinato da questo luogo che unisce natura, cultura, architettura e arte di vivere . Milly-la-Forêt , villaggio di charme inserito in uno scenario naturale privilegiato è un ottimo punto di partenza per un itinerario nel Parco Regionale del Gâtinais. Da visitare la cappella di Saint-Blaise-des-Simples, antico lazzaretto, decorato nel 1959 da Jean Cocteau . Oggi la cappella custodisce le spoglie dell’artista.

La casa di Alexandre Dumas a Port Marly, fra le anse della Senna

Sulla collina di Port-Marly, a nord di Parigi, sorge il Castello di Monte Cristo, immerso in un territorio di raro fascino, tra natura e anse fluviali . In questo parco naturale, Alexandre Dumas, l’autore de I Tre Moschettieri e del Conte di Montecristo , costruì la “folie”, un castello in stile rinascimentale, un gioiello architettonico circondato da parco all’inglese arricchito da grotte e cascate, In questo scenario idilliaco lo scrittore francese amava immergersi e scrivere. Nelle vicinanze della sua dimora si trova il Domaine National de Marly, la vecchia Marly , le rive della Senna, un itinerario da percorrere a pied, il Chemin des Impressionnistes, il sentiero degli impressionisti che conduce ad un viaggio indietro nel tempo, fra Bougival , Louveciennes , Chatou, un filo “azzurro” nei luoghi e paesaggi fonte di ispirazione per numerosi artisti che li hanno riprodotti nei loro dipinti, da Pissarro, Manet, Monet, Renoir . Da visitare anche la città di Saint-Germain-en-Laye nota per l’imponente castello del XVI secolo , residenza, nei secoli, di numerosi re di Francia , tra le sue mura vi nacquero Carlo IX e Luigi XIV.

Destinazioni ideali per tour di scoperta di 1-2 giorni, anche con base a Parigi.

Per informazioni:

www.france.fr

www.visitparisregion.com

di BRUNO MUSSO

Share

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

More Post