Privacy Policy Alle Seychelles in Workcation, al lavoro ma in vacanza – Timenews24.it
  • Data loading...

Alle Seychelles in Workcation, al lavoro ma in vacanza

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

Per chi sogna di trasferirsi per un lungo periodo in un luogo paradisiaco dimenticando lo stress e il caos della città le Seychelles offrono un’opportunità da non perdere

In un periodo di smart working diffuso come quello che stiamo vivendo la workcation, ossia la vacanza abbinata al lavoro, è un’opzione sempre più accessibile. Le Seychelles si propongono così non solo come esclusivo luogo di relax, ma come destinazione in cui vivere momenti di vacanza alternati a momenti di lavoro, magari con tutta la famiglia. Lo scorso 25 Marzo le Seychelles hanno aperto ai turisti di tutto il mondo ed è ora necessario solo un tampone negativo effettuato 72 ore prima della partenza per cui hanno deciso di lanciare il programma “Seychelles Workcation Retreat”, studiato dagli enti governativi del Paese per dare ai viaggiatori l’opportunità di una fuga esotica per sperimentare un mix tra il lavoro e le esperienze di vita delle isole, in totale sicurezza.

La “workcation” (work on vacation) è la nuova tendenza di viaggio emersa nel 2020 che ci accompagnerà anche nel prossimo anno e forse nel lontano futuro: significa unire l’utile al dilettevole e lavorare da remoto in un luogo di vacanza. Che sia in montagna o al mare, l’importante è avere a disposizione un hotel o un resort con servizi digitali evoluti e stanze che permettano di rimanere connessi h24 per mandare mail e fare videocall ma godersi al tempo stesso, una volta chiuso il computer, una passeggiata all’aria aperta in un luogo da sogno. Molti alberghi e strutture ricettive si sono già attrezzati o si stanno attrezzando per queste necessità e per offrire anche nei prossimi mesi servizi dedicati a chi vuole lavorare sentendosi un po’ in vacanza.

Un concetto questo già esistente in realtà che ha guadagnato un grande slancio con la pandemia che ci ha colpiti a livello globale; la workcation, è entrata nel mondo del settore dei viaggi e dell’ospitalità ormai da alcuni anni. Solo nel 2019, è stato stimato che fino a 10,9 milioni di persone fossero “nomadi digitali”; si tratta di persone che necessitano solo di un laptop e di una connessione Internet per lavorare da remoto. È stato quindi stimato che le cifre dovrebbero aumentare in breve tempo per arrivare a 16 milioni, una crescita del 10% su base annua tra il 2020 e il 2022. Questa percentuale è stata calcolata tra l’altro prima della pandemia. Fino al 2020, questo concetto esisteva sotto forma diversa ed era in qualche modo limitato ad uno smartworking a breve termine. Il concetto ha anche cercato di fornire ai freelance una strada per lasciare i propri uffici, sistemarsi con un laptop all’ombra di un albero o su una spiaggia sotto un ombrellone ed esprimere la propria creatività al massimo incontrando persone che la pensassero allo stesso modo con cui condividere la rete e la conoscenza.

Nel 2020 il potenziale degli “smartworker” è aumentato drasticamente, viste le opportunità offerte dalla pandemia. Con un numero crescente di grandi aziende costrette ad adottare il concetto di lavoro da casa, molte di loro si sono rese conto che questo modello di lavoro è degno di considerazione anche per il futuro, dato che i propri dipendenti si sono mostrati in una certa misura più produttivi e si è visto l’enorme risparmio sui costi dal punto di vista operativo. Di conseguenza, questo ha rappresentato un’opportunità per una destinazione come le Seychelles non solo a breve termine, durante il periodo della pandemia, ma anche per il futuro.

A tal fine, il Seychelles Tourism Board (STB), la Seychelles Chamber of Commerce and Industries (SCCI), il Department of Tourism, il Seychelles Investment Board (SIB) e la Seychelles Hospitality and Tourism Association (SHTA) con il supporto delle maggiori autorità governative hanno presentato il programma “Seychelles Workcation Retreat” che è entrato in vigore lo scorso febbraio e che consentirà ai visitatori che ne faranno richiesta (attraverso un preciso iter) di lavorare a distanza alle Seychelles da un minimo di 30 giorni fino a 1 anno.

Il programma si rivolge a visitatori di due categorie, vale a dire 1) il lavoratore dipendente che lavora a distanza e 2) il lavoratore autonomo che lavora a distanza di età compresa tra 28 e 60 anni. Possono essere singoli individui o una famiglia, che può operare al di fuori degli uffici tradizionali, con un’ampia disponibilità di reddito da spendere nel Paese. Nell’ambito del programma, la destinazione mira ad attrarre una media di 2.000 visitatori nei primi 6 mesi, con una permanenza media di 60 giorni per turista. Il vantaggio per questi visitatori è che pagheranno una tariffa scontata in media del 30% su servizi e prodotti alle Seychelles.

Share

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

More Post