Privacy Policy Avremmo potuto salvare il mondo, ma siamo stati troppo pigri – Timenews24.it

Avremmo potuto salvare il mondo, ma siamo stati troppo pigri

Seleziona la lingua/Traduci

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

Il nostro pianeta, si sa, non sta tanto bene. Slogan, appelli e manifestazioni si moltiplicano, ma alla fine sono le buone pratiche – singole, collettive e politiche -, insieme alla comprensione di ciò che succede, i mezzi che abbiamo per cercare di contrastare una catastrofe annunciata. A luglio, il Circolo dei lettori si sposta sul Po, il grande fiume d’Italia simbolo dell’emergenza climatica di questa estate 2022. Al Circolo Canottieri Armida quattro incontri, in calendario per ogni martedì del mese, mettono al centro l’ecologia e la sostenibilità, per comprendere se, forse, siamo ancora in tempo a non essere pigri. Dopo i primi appuntamenti con Antonio Pascale e Cinzia Scaffidi, Giorgia Pagliuca parla di consigli per un mondo sostenibile con Petunia Ollister. Infine, nell’ultimo incontro di martedì 26 luglio, l’inventore del bike sharing Pedro Kanof discute con il professore Stefano Corgnati e l’assessora torinese Chiara Foglietta perché la bici è indispensabile per la vivibilità della comunità, delle città.

AVREMMO VOLUTO SALVARE IL MONDO, MA SIAMO STATI MALEDETTAMENTE PIGRI

5-12-19-26 luglio 2022
Terrazza Canottieri Armida
v.le Virgilio 45, Parco del Valentino, Torino

a cura di Fondazione Circolo dei lettori con il patrocinio di Circoscrizione 8 in collaborazione con Società Canottieri Armida e Libreria La Montagna

Il titolo è una frase di Kurt Vonnegut da Un uomo senza patria (minimum fax, traduzione di Martina Testa).

Martedì 19 luglio h 18
Eco tips per un pianeta migliore
a partire da Aggiustiamo il mondo. Diario di un’ecologista in crisi climatica (Aboca) di e con Giorgia Pagliuca @ggalaska con Petunia Ollister, content creator per la cultura
Se vogliamo impegnarci per un mondo sostenibile, dobbiamo andare oltre le nostre abitudini, spingerci a fondo, non muoversi solo per slogan. La sostenibilità è una corsa a ostacoli per cui è necessaria la collettività, una moltitudine di cittadini imperfetti ma disposti a migliorarsi e a partecipare attivamente con gesti concreti per il bene comune.

il libro
Se vogliamo impegnarci per un mondo sostenibile, dobbiamo andare oltre le nostre abitudini. Spingerci a fondo, trovare soluzioni diverse e strade secondarie.
Non muoviamoci solo per slogan. La sostenibilità è un percorso, o meglio una corsa a ostacoli, in cui abbiamo bisogno di collettività, della discesa in campo di una moltitudine di cittadini imperfetti ma disposti a migliorarsi e a partecipare attivamente per il bene comune. Se guardassimo il nostro mondo dallo spazio, impareremmo ad adottare una visione d’insieme: siamo tutti sulla stessa barca, non c’è nessun luogo sulla Terra in cui potersi nascondere dalla crisi climatica. Ma ogni nostra azione, come scegliere una borraccia riutilizzabile per l’acqua o rifiutare una bistecca per cena, può contribuire al cambiamento necessario. Giorgia Pagliuca con i suoi irresistibili eco tips sposta finalmente l’asse dalle lezioni teoriche sui massimi sistemi alle esperienze vere, quotidiane, suggerendo gesti concreti e mostrando come realizzarli. Siamo pronti alla sfida?

Martedì 26 luglio h 18
Il bike sharing salverà il mondo?
a partire da Inondare le strade di biciclette. Per una politica della mobilità sostenibile e inclusiva (mimesis) di e con Pedro Kanof
con Stefano Corgnati, Fisica tecnica ambientale – Politecnico di Torino, e Chiara Foglietta, assessora Transizione ecologica e digitale, Innovazione, Ambiente, Mobilità e Trasporti – Città di Torino
Il bike sharing è una pratica di condivisione di mobilità dolce e sostenibile che ha rivoluzionato il modo di spostarsi nelle città di tutto il mondo. Il suo inventore racconta come è nata questa idea, i modi per allargarne l’uso e perché è indispensabile per migliorare la vivibilità dei luoghi che abitiamo.

il libro
Il libro comprende un’analisi rigorosa, espressa in un linguaggio semplice e chiaro, ma nello stesso tempo approfondito. L’obiettivo è attrarre un pubblico sempre più vasto alla mobilità su bici, proponendo una soluzione tecnica innovativa, indispensabile per allargarne l’uso e migliorare la vivibilità delle città.

INFO

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero con prenotazione obbligatoria su

torino.circololettori.it

I possessori della Carta Io leggo di Più possono prenotare il posto nelle prime file dedicate.

info incontri 011 8904401 | info@circololettori.it | circololettori.it
prenotazioni aperitivo e cena Società Canottieri Armida 011 6699219

Share

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

More Post