Privacy Policy “L’abisso”, in mostra a Nantes, nella tratta atlantica degli schiavi, 1707-1830 – Timenews24.it

“L’abisso”, in mostra a Nantes, nella tratta atlantica degli schiavi, 1707-1830

Seleziona la lingua/Traduci

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

Ancora oggi gli storici non sono d’accordo sul numero delle vittime della tratta atlantica degli schiavi. Mancano, ovviamente, i documenti per una contabilizzazione esatta, tuttavia gli scostamenti delle stime non si valutano in decine o centinaia di migliaia, ma in milioni. Com’è possibile che un fenomeno così tragico e fondamentale possa condividere così tanto coloro che si sono dedicati al suo studio? Si scopre che il numero, sconcertante com’è, non è abbastanza per dirlo.

Inoltre, cosa sapremmo veramente se quel numero fosse finalmente fermato? Sapremmo quanti uomini, donne e bambini perirono nelle guerre, nelle incursioni e nelle incursioni che furono all’origine della loro prigionia? Sapremmo come, a migliaia di chilometri di distanza, un’intera città e il suo territorio potrebbero trovare nel sistema coloniale e schiavista le ragioni ei mezzi di un arricchimento senza precedenti? Potremmo capire il posto che questi attori occupavano in un mondo globalizzato, agli albori del capitalismo moderno? Possiamo immaginare lo stretto legame tra il Trattato Atlantico e gli inizi della rivoluzione industriale? Capiremmo, anche solo per un momento, qual era l’orrore di non appartenere più a noi stessi, di lasciare il mondo degli uomini per quello dei beni materiali,

Il Museo di Storia di Nantes si propone di esaminare le sue collezioni da una nuova prospettiva, al fine di rivelare le tracce invisibili a prima vista ma molto presenti, del destino di coloro che furono vittime del sistema coloniale. Al di là della consueta visione economica e commerciale, la mostra alzerà il velo sulla complessità della realtà di una città schiava e schiavista.

Volontariamente immersivo, suggestivo e sensibile, L’abîme riflette la complessità della realtà e sarà l’occasione per scoprire i nomi di coloro che, registrati nei documenti ufficiali, hanno vissuto a Nantes mentre subivano lo status di prigionieri posti in stato di detenzione. 1692 e 1792.

La multimedialità occupa un posto importante: introduzione audio, lettura di documenti storici in ascolto individuale, distribuzione di musica, mappatura audio video su due tavoli, proiezioni di nomi di persone schiavizzate su un binario per immagini e documenti in grande formato nello spazio di attraversamento. visitare. Il modello della nave La Marie-Séraphique viene presentato al pubblico attraverso un film.

La mostra riecheggia anche i principali dibattiti e argomenti che fanno notizia: migrazioni, reti di schiavitù contemporanee, sviluppo di nuove forme di razzismo, movimenti per la parità dei diritti, ecc.

Programma
Cortile e bastioni ad accesso libero
Aperto 7 giorni su 7, dalle 8:30 alle 19:00 Dal
1 luglio al 31 agosto: dalle 8:30 alle 20:00

Chiusura straordinaria alle 17 di venerdì 24 e 31 dicembre.

Giardino fossato ad accesso libero
Aperto 7 giorni su 7, dalle 8:00 alle 19:00
Dal 1 luglio al 31 agosto: dalle 8:00 alle 20:00 Interno del castello, museo e mostre 10:00-18:00, lunedì chiuso Dal 1 luglio al 31 agosto: dalle 10.00 alle 19.00, 7 giorni su 7

Chiusura straordinaria alle ore 16 di venerdì 24 e 31 dicembre.

Ultimo accesso biglietteria 30 min prima della chiusura

Chiusure annuali del sito
1 gennaio, 1 maggio, 1 novembre, 25 dicembre

Accesso
Castello dei Duchi di Bretagna
Museo di Storia Nantes
4 posto Marc Elder
44.000 – Nantes

Share

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

More Post