Privacy Policy Rai presentazione dei palinsesti 2022/2023 – Timenews24.it

Rai presentazione dei palinsesti 2022/2023

Seleziona la lingua/Traduci

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

Sono stati presentati i palinsesti ufficiali Rai della stagione 2022/2023. Numerose le novità, ma anche tante conferme sui nuovi programmi di Rai Uno, Rai Due e Rai Tre, del daytime, della prima serata e della seconda serata.

“Nuovi programmi e nuove forme di comunicazione, per una visione del Paese e dell’azienda che guarda al futuro”. Così l’Amministratore Delegato Carlo Fuortes presenta l’offerta televisiva Rai per l’autunno inverno 2022/23, con la grande novità della programmazione divisa non più per reti ma per generi.

Quella dei generi è una sfida importante per valorizzare l’offerta Rai senza tradire i valori consolidati ma andando aldilà della tradizionale offerta: generalista, specializzate, web, RaiPlay. Il genere Approfondimento nella sua offerta autunnale ribadisce i suoi punti di forza: per la fascia serale Porta a Porta con Bruno Vespa su Rai 1, #cartabianca con Bianca Berlinguer, Report, arrivato al suo 25esimo anno, con Sigfrido Ranucci, PresaDiretta con Riccardo Iacona, Chi l’ha visto? con Federica Sciarelli, su Rai 3. Nel corso della giornata Agorà con Monica Giandotti su Rai 3, Ore 14 con Milo Infante su Rai 2. Nel weekend, su Rai 3, Agorà Weekend con Giusi Sansone, Mi Manda RaiTre con Federico Ruffo, O anche no, dedicato a inclusione e solidarietà, con Paola Severini Melograni, Timeline con Marco Carrara, dedicato ai social media, Mezz’ora in più e Mezz’ora in più/Il mondo che verrà con Lucia Annunziata, Frontiere con Franco Di Mare, Rebus, su informazione e cultura, con Corrado Augias e Giorgio Zanchini, Le parole con Massimo Gramellini e Indovina chi viene a cena con Sabrina Giannini.

Un’attenzione particolare è dedicata poi ai temi della salute con Buongiorno benessere con Vira Carbone su Rai 1, lo storico Check up con Luana Ravegnini (di cui vorrei ricordare il fondatore Biagio Agnes) su Rai 2, e Elisir con Michele Mirabella e Benedetta Rinaldi su Rai 3. Ai problemi della violenza di genere sono dedicati Amore Criminale e Sopravvissute, quest’ultimo con Matilde D’Errico, su Rai 3. Ai disturbi dei comportamenti alimentari e alle sue implicazioni psicologiche e sociali il programma in seconda serata su Rai 3 Fame d’Amore con Francesca Fialdini. Ai piccoli, grandi eroi – donne e uomini comuni – insigniti dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dell’Onoreficenza dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana è dedicato il programma Nuovi Eroi su Rai 3. A programmi storici, come Un giorno in pretura su Rai 3 con Roberta Petrelluzzi, si aggiungono i più recenti Cose Nostre con Emilia Brandi su Rai 1, Onorevoli confessioni con Laura Tecce, Generazione Z, sul dialogo intergeneraziona e, con Monica Setta e ReStart con Annalisa Bruchi, questi ultimi tutti su Rai 2.

Le novità dell’offerta cominciano già in estate con Filorosso, condotto da Giorgio Zanchini affiancato da Roberta Rei, su Rai3 al martedì in prima serata. E’ il segno tangibile di un servizio pubblico “aperto per ferie” che continua ad informare anche nel periodo estivo, così come fa Agorà Estate ogni mattina su Rai3, con la conduzione di Giorgia Rombolà, Codice con Barbara Carfagna, il venerdì in seconda serata su Rai1, Il Fattore Umano, il lunedì in seconda serata su Rai3, Cose Nostre il lunedì in seconda serata su Rai1, O anche no nella sua versione estiva, la domenica mattina su Rai3 e uno speciale estivo di Chi l’ha visto?.

L’avvio dei generi ha proprio lo scopo di sviluppare un’offerta trasversale su tutte le diverse piattaforme Rai. Le identità di Rai 1, Rai 2 e Rai 3 non vengono perciò assolutamente dimenticate.

Il nuovo programma di approfondimento che partirà a ottobre nella prima serata di Rai2, Che c’è di Nuovo, condotto da Ilaria D’Amico e ideato da Alessandro Sortino, risponde proprio alla linea guida tracciata per l’Approfondimento del secondo canale: un approfondimento che deve essere leggero, irriverente, emozionale, empatico, veloce, coinvolgente, divertente, adatto a una rete basata sull’intrattenimento. Un programma che porta sulla scena fatti, persone e storie che interpretano il cambiamento che stiamo vivendo. Monologhi brevi, affidati a persone comuni e note, interviste e reportage, da proporre a una sorta di giuria composta da quattro ospiti fissi tra giornalisti, esperti e liberi pensatori, che ne discuteranno giudicandoli e dividendosi come in un talent show delle idee.

E poi, tutti i giorni il fatto del giorno filtrato in 10 minuti dagli occhi e la sensibilità di Marco Damilano con Il cavallo e la torre, in access dal lunedì al venerdì su Rai 3. Altra novità dell’autunno: Tempo e mistero, in seconda serata il lunedì su Rai 1. Giancarlo De Cataldo, già magistrato autore di Romanzo criminale, ripercorre i grandi delitti della storia italiana per ricostruire il clima della società del tempo in cui sono stati compiuti. E l’attenzione alla cronaca prosegue nella stessa fascia su Rai 1 con Basco Rosso, dedicato all’addestramento dei corpi speciali dei Carabinieri che hanno aperto eccezionalmente i corsi di alcune unità speciali alle telecamere della Rai.

E’ insomma un’offerta diversificata seguendo i diversi pubblici delle reti generaliste che ripropone programmi di successo e cerca di aprire nuove vie narrative. La cronaca, la politica, la storia, i diritti negati. Il racconto di questi temi esplorando nuove tecniche di linguaggio televisivo è il cuore dell’offerta dell’Approfondimento Rai. Dando spazio a tutte le voci, rifuggendo da qualsiasi censura nel rispetto della Costituzione e dei Diritti del cittadino utente

Share

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on pinterest

More Post